Martedì, 04 Dicembre 2018 00:00

Piano diritto allo studio 2018-2019

Written by

scuola2Il Piano di Diritto allo Studio (in allegato qui sotto) è lo strumento atto a garantire il diritto di accesso ai servizi scolastici a tutti i bambini e ragazzi con le loro famiglie. Questo documento nasce dalla collaborazione tra L’Amministrazione comunale e la scuola nel rispetto dell'autonomia dell'istituzione scolastica.
Molteplici le azioni messe in campo per far fronte alle esigenze di conciliazione dei tempi lavoro e accudimento figli delle famiglie, ed inserite nel documento.

Il PdS è stato presentato nel consigio comunale di novembre.

L'assessore Giovanna Gola ringrazia la Dirigente scolastica, i docenti, gli educatori, il personale ATA, tutti i volontari e coloro che, a vario titolo, contribuiscono a far crescere gli studenti e tutta la scuola, mettendo al servizio degli altri la propria professionalità e competenza.
Ringraziamenti anche al Dirigente dei Servizi alla Persona e a tutto il personale dell’Ufficio scuola del Comune di Marmirolo per il prezioso lavoro svolto.

Martedì, 20 Novembre 2018 00:00

Slide indagine sismica scuole

Written by

comunicazioni istituzionali

In seguito alla presentazione pubblica dei risultati dell’indagine sismica sulle scuole, si allega (qui sotto) il documento con le slide illustrato all'incontro. Alla serata, in sala civica, erano stati invitati i genitori degli alunni, gli insegnanti e i rappresentanti dell’Istituto Comprensivo, mentre come relatori l’ingegnere incaricato della valutazione Armando Dalai e gli architetti Elettra Saccardi ed Erica Grazioli dell’ufficio tecnico del Comune.

via GavioliUna ciclabile per collegare le scuole medie di Marmirolo a piazza Roma, quindi al centro del paese.
E’ il progetto che interesserà via Gavioli, dal valore di 65mila euro, approvato dalla giunta guidata dal sindaco Paolo Galeotti.
L’intervento consisterà nella realizzazione di un nuovo percorso ciclopedonale che congiungerà il presidio scolastico Marconi alla piazza, estendendosi quindi lungo via Gavioli, fino all’intersezione con via Meucci e via Leopardi, sulla quale proseguirà fino ad intercettare via Pascoli.
L’opera, oltre ad implementare la rete di percorsi ciclopedonali già esistenti, ha l’obiettivo principale di garantire un collegamento sicuro per gli studenti che percorrono le vie che raggiungono la scuola secondaria di primo grado, assicurando allo stesso tempo il mantenimento di un'adeguata viabilità. La ciclabile si svilupperà in parte sulla strada esistente, mentre in alcuni tratti è previsto l’ampliamento della superficie asfaltata, con l’inserimento di rallentatori e segnaletica.
“La ciclabile si inserisce in un più ampio progetto su via Gavioli – dichiara il sindaco Galeotti – Tempo fa erano stati abbattuti degli alberi per motivi di sicurezza, e questa operazione proseguirà nei prossimi mesi con altri abbattimenti e sostituzioni di piante. La realizzazione della ciclabile si è resa necessaria in questi ultimi anni anche per l’aumento dei bambini che frequentano la scuola. Le uscite sono state presidiate dagli ausiliari del traffico, e proprio insieme a loro, osservatori attenti delle necessità dei ragazzi, abbiamo visionato il progetto”.
La realizzazione dei nuovi collegamenti permetterà inoltre di agevolare lo sviluppo della mobilità sostenibile, incrementando la rete già esistente proveniente da strada Rodone.
“L’intervento consentirà una migliore gestione del traffico – si legge nella scheda tecnica - auspicando una limitazione dell’utilizzo dei mezzi a motore, soprattutto nelle tratte casa-scuola”.

Martedì, 30 Ottobre 2018 00:00

Dote merito anno scolastico 2018/2019

comunicazioni istituzionaliUn cantiere da 675mila euro che durerà circa nove mesi. La partenza dei lavori è prevista per lunedì 22 ottobre con tre fasi di intervento.
L’opera in questione è la riqualificazione della ex statale di Marmirolo (primo lotto), un progetto complesso voluto dall’amministrazione per rendere il paese più facilmente accessibile valorizzando il centro e migliorandone la vivibilità per residenti e visitatori. Non solo la strada cambierà volto, ma ci sarà anche spazio per un nuovo collegamento ciclopedonale, aree di sosta, un occhio di riguardo alle aree verdi e ulteriori piantumazioni.
Successivamente alla realizzazione della tangenziale di Marmirolo, la ex S.S. 236 era stata declassata come strada urbana. Un’arteria viabilistica che ha da sempre rappresentato un limite fisico della zona nord del capoluogo con tutta l’area edificata a sud-ovest, con l’aggravio del passaggio frequente ed intenso del traffico pesante che ha causato un graduale degrado.
Attraverso un concorso di idee lanciato dall’amministrazione nel 2016, l’ufficio tecnico del Comune ha ricevuto delle proposte progettuali con l’obiettivo della sistemazione urbanistica, architettonica e sociale della strada, la riqualificazione degli accessi storici di via Ferrari e via Rippa verso il centro.
“I centri storici devono tornare ad essere parte viva della città e spazio a disposizione degli abitanti e delle attività esistenti, anziché ad uso quasi esclusivo delle automobili – dichiara il sindaco Paolo Galeotti - attraverso l’ampliamento delle aree a disposizione dei pedoni, degli esercizi artigianali e commerciali della zona interessata, dove la mobilità sostenibile venga in tutti i modi privilegiata. Abbiamo affidato l’opera ai professionisti vincitori del concorso, individuando un primo lotto di intervento compreso tra l’ingresso al paese da via Ferrari fino all’intersezione con via Rippa”.
Il progetto, come si legge nella scheda tecnica, prende spunto dal concepire la strada all’interno di un parco lineare che inizia a prendere forma in prossimità dell’intersezione con via Ferrari e mantiene una forte identità lungo tutto il tracciato, valorizzando la presenza in questo tratto del corso d’acqua, gestito dal Consorzio di Bonifica “Territori del Mincio” e le aree verdi pubbliche.
Il tracciato originario della ex statale subirà una modifica vicino alla curva di via Massalombarda, dove la nuova carreggiata verrà spostata di circa 2 metri verso ovest per permettere l’inserimento del nuovo collegamento ciclopedonale da realizzare lungo il canale.
Partendo da via Ferrari è prevista una pista ciclabile che, con un nuovo ponte metallico all’altezza di via Massalombarda, si congiungerà al futuro parcheggio di fianco via Cami, proseguendo poi sul nuovo marciapiede fino all’incrocio con strada Soave dove, attraversando la strada, si connetterà alla pista ciclabile esistente per Bosco Fontana.
Tra via Massalombarda e via Cami è prevista la riqualificazione di un’ampia area destinata a verde pubblico e la realizzazione di un parcheggio a servizio della fermata Apam.

CRONOPROGRAMMA FASI DI INTERVENTO:

I lavori avranno inizio il giorno 22/10/2018 e saranno suddivisi in fasi/zone di intervento al fine di ridurre il più possibile il disagio ai residenti ed alle attività insediate.
In particolare le fasi di intervento sono le seguenti:
1 fase: Lavori su tutto l’asse stradale. Chiusura totale della strada, eccetto residenti ed autorizzati, dall’intersezione con Via Ferrari (esclusa) fino al civico n. 5 di Strada Mantova (officina Malavasi, esclusa) . Tale fase avrà una durata indicativa di 3-4 mesi in relazione all’andamento delle lavorazioni e delle condizioni metereologiche;
2 fase: (al termine fase 1, eccetto tappetino stradale, con apertura del tratto stradale interessato dalla fase 1) lavori su metà carreggiata, lato sinistro direzione Mantova, da via Cami / via Risorgimento all’intersezione con via G. Rippa, senso unico direzione Mantova. Tale fase avrà una durata indicativa di 3 mesi in relazione all’andamento delle lavorazioni e delle condizioni metereologiche;
3 fase: (al termine fase 2, eccetto tappetino stradale, con apertura del tratto stradale interessato dalla fase 2) lavori su metà carreggiata, lato sinistro direzione Goito, da via Cami / via Risorgimento all’intersezione con via G. Rippa, senso unico direzione Goito. Tale fase avrà una durata indicativa di 3 mesi in relazione all’andamento delle lavorazioni e delle condizioni metereologiche.

comunicazioni istituzionaliIl Centro di raccolta di Marmirolo verrà riqualificato e reso più moderno, per avere un maggiore controllo degli accessi all’area, attuale criticità che verrà così risolta.
E’ l’intenzione dell’amministrazione, che si concretizzerà nei primi mesi del 2019 con lavori dal valore di 170mila euro. Lo scopo dell’intervento è di installare un sistema di controllo degli accessi e di videosorveglianza, con la realizzazione di un nuovo varco d’ingresso e uscita. Verrà mantenuta la tipologia generale di stoccaggio con cassoni e scalette ma sarà rifatta la pavimentazione prevista ora in cemento per renderla più robusta e duratura nel tempo.


“Il Centro di raccolta è stato oggetto di due interventi gestiti da Mantova Ambiente – spiega in premessa l’assessore Vanni Deluigi - il primo nel 2008, quando ha realizzato le vasche per il vegetale/legname e la separazione dall’area dei depositi comunali. Il secondo nel 2012 con un sensibile ampliamento e interventi sul sistema di trattamento della acque meteoriche di prima pioggia, la messa a norma dell’impianto elettrico, la sostituzione della copertura del deposito”.


Nel tempo è emersa la necessità di pensare ad una formula che permetta un controllo più stretto, “per evitare l’accesso a chi non è residente o il conferimento di rifiuti non idonei. L’intervento non prevede rincari delle tariffe rifiuti dei cittadini in quanto sarà finanziato con economie di gestione e con il contributo una tantum previsto da Mantova Ambiente al Comune di Marmirolo, a seguito dell’affidamento con la gara del socio privato”. Nel dettaglio, i lavori comprenderanno: demolizione e rifacimento della recinzione con una nuova rete, un nuovo ingresso con cancello posizionato in modo da consentire l’inserimento del sistema di controllo accessi a sbarre, demolizione e rifacimento di tutta la pavimentazione di viabilità, posizionamento del box ufficio a fianco del nuovo ingresso in una posizione che permette una migliore visibilità complessiva, pulizia e sistemazione bagni, adeguamento dell’impianto elettrico.

Pagina 1 di 16

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione accetta il loro uso